Home > Box Office > Il box office 2015 raggiunge $38,3 miliardi nel mondo (anche grazie alla Cina)

Il box office 2015 raggiunge $38,3 miliardi nel mondo (anche grazie alla Cina)

Botteghino in crescita a livello globale nell'anno appena passato, con USA e Cina che insieme rappresentano il 47% di tutto il mercato. Star Wars, vincitore assoluto, conta per il 5% di tutti gli incassi dell'anno.

Una cifra record per gli ultimi 5 anni, in aumento del 5% rispetto al 2014 grazie alla ritrovata passione degli adolescenti per il grande schermo e, ovviamente, alla Cina. La tendenza era già visibile ma è stata confermata dal rapporto annuale dell’MPAA (Motion Picture Association of America) sul mercato cinematografico mondiale, presentato ieri al CinemaCon, la versione USA delle giornate professionali in corso a Las Vegas.

Dei 38,3 miliardi di dollari guadagnati dai film distribuiti nel 2015 in tutto il mondo, la porzione più ampia proviene come da tradizione dal Nord America (Stati Uniti e Canada), dove l’incasso complessivo è stato di 11,1 miliardi, in aumento dell’8% in confronto all’anno precedente. Il merito di questa crescita va ovviamente ai grandi titoli che hanno raggiunto le sale, a partire da Star Wars: il Risveglio della Forza: non solo il maggior successo di sempre al botteghino americano ma anche una potenza a livello mondiale, con 2 miliardi di incasso complessivo pari al 5% di tutto il risultato del 2015. Altre uscite fondamentali sono state Jurassic World ($652 milioni in USA e Canada), Avengers: Age of Ultron ($459 milioni) e Inside Out ($356 milioni).

Molto importante quanto emerso nella fascia demografica dei teenager americani (12-17 anni), che si sono recati in sala mediamente 7,8 volte ciascuno, più di qualsiasi altra classe di età e con un incremento di circa un biglietto pro capite. Gli adolescenti rappresentano ormai l’8% di tutti i moviegoers, il che probabilmente significherà un’intensificazione delle strategie di marketing condotte sui media digitali e in particolare i social network, con formule sempre più coinvolgenti e innovative. Tanto più che il secondo target per biglietti venduti è sempre “giovane”, essendo quello tra i 18 e i 24 anni, che ha realizzato 5,9 biglietti a persona.

box office mondiale 2011-2015

C’è però un’altra tendenza che verosimilmente influenzerà in modo ancora più radicale l’industria cinematografica di tutto il mondo: l’area cresciuta di più nel 2015 in termini di box office è stata l’Asia Pacifica, con un +13%, ma soprattutto la Cina, che con 6,8 miliardi di dollari ha avuto un incremento del 49% e si appresta a diventare il primo mercato mondiale già nel 2017. Nord America e Cina insieme nel 2015 hanno realizzato il 47% di tutto l’incasso globale, mentre il resto dei territori ha perso il 5%, tornando a un livello di box office inferiore a quello del 2011.

L’Europa, dal canto suo, attraverso l’UNIC – International Union of Cinemas, ci tiene a sottolineare di detenere ancora un ruolo di primo piano nel panorama cinematografico mondiale. Nei 36 Paesi rappresentati dall’associazione degli esercenti europei, il 2015 ha fatto registrare 9,76 miliardi di dollari di incasso, pari al 24% del box office complessivo e poco alle spalle della quota del 27% detenuta dagli USA. I biglietti staccati sono stati invece 1,26 miliardi, in aumento del 6% rispetto al 2014.

Fonte: Forbes, The Hollywood Reporter

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top