Home > Infografiche > Realtà virtuale: ecco i pionieri della nuova industria [INFOGRAPHIC]

Realtà virtuale: ecco i pionieri della nuova industria [INFOGRAPHIC]

Realtà virtuale: ecco i player di un mercato vasto e sfaccettato che secondo alcuni supererà il miliardo nel 2016, secondo altri è già un business da svariati miliardi di dollari a livello globale.

Tutti sanno ovviamente di Oculus Rift di Facebook (in dirittura d’arrivo sul mercato il prossimo 28 marzo), del rinvio a ottobre del nuovo visore PlayStation e del Gear VR di Samsung che intanto sta spianando la via alla realtà virtuale rendendola disponibile a prezzi di largo consumo. Ma intorno a questa nuova tecnologia gira un business già molto ampio e destinato a crescere ancora se, come sembra adesso, i consumatori si mostreranno ben disposti e reattivi rispetto alla possibilità di sperimentare, video, foto e soprattutto games a 360°. Gli esperti fanno a gara per prevedere quanto varrà il comparto: Deloitte prevede che nel 2016 il fatturato arrivi già al miliardo di dollari, con la maggior parte del business, cioè 700 milioni, generato dalla vendita degli hardware (visori, controller e altri accessori per “muoversi” nella realtà virtuale, console o PC abilitati, videocamere per riprendere a 360° ecc) e i restanti 300 milioni derivati dai contenuti. Di questi, la maggior parte in questa fase iniziale saranno giochi, con le app in secondo piano e usate specialmente come strumento di marketing. Resteranno indietro invece cinema e tv a causa della scarsità di contenuti disponibili nel nuovo formato (abbiamo visto che Sky ha lanciato una divisione dedicata alla VR da cui si attendono però non più di 20 brevi video per la fine dell’anno).  Più ottimistiche invece le analisi di KZero, secondo cui la realtà virtuale sarebbe arriverà nel 2016 ben oltre i 3,5 miliardi di dollari al livello globale.

statistic_id426276_revenue-forecast-for-virtual-reality-worldwide-2014-2018

Di sicuro si tratta di un settore in piena esplosione e da tenere sott’occhio per l’influenza che potrebbe avere su tutto il panorama audiovisivo. Per una rapida istantanea di tutti i player già coinvolti nella grande corsa al nuovo oro dell’intrattenimento domestico, ecco uno schema, elaborato da Venture Fund, che visualizza il posizionamento di brand dell’high-tech e start-up destinati a dare forma al nascente mercato. Ce lo suggerisce anche l’interesse mostrato il settore da un ramo molto particolare dell’industria audiovisiva, quella pornografica, che come sempre si mostra all’avanguardia nel cogliere le novità dell’home entertainment: Mashable riferisce che Pornhub, uno dei portali più vasti disponibili su internet per gli amanti del genere, ha lanciato il primo canale porno gratuito in VR, con 26 brevi video a sfondo erotico già presenti e fruibili con il solo aiuto di un visore tra Oculus, Samsung Gear e Google Cardboard. Notizia di oggi, infine, è che alla partita si è aggiunto anche Hulu, il servizio di streaming on demand sostenuto dalle principali emittenti televisive americane. La sua app ha infatti debuttato gratuitamente sul visore Gear VR offrendo agli utenti sia i video a 360° sia il suo tradizionale catalogo online. Anche Netflix è presente nel nuovo ecosistema tecnologico ma non ha ancora dato il via a una produzione di video a 360°: sul virtuale si gioca insomma anche la partita molto concreta della leadership e della crescita nel comparto del video on demand.

vrf_vr_industry_sm-1024x832

Fonti: Deloitte; Statista;Venture Fund; Mashable

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top