Home > Media > Mediaset-Vivendi: accelerazione sull’alleanza

Mediaset-Vivendi: accelerazione sull’alleanza

Vivendi e Mediaset sarebbero sempre più vicine a un accordo: non tanto per la cessione di Premium, ma per conquistare insieme il mercato della tv pay e online in tutto il Sud Europa.

Non solo Premium, ma u’intesa di ampio respiro su tutta la produzione di contenuti audiovisivi per sfidare il primato americano nel Sud Europa. Prendono forma inattesa le trattative tra Mediaset e Vivendi, il colosso francese dei media guidato dal finanziere Vincent Bolloré, che la settimana scorsa ha ospitato esponenti dell’azionariato del Biscione per definire gli intenti comuni di un’eventuale alleanza. Non una semplice cessione delle attività nella pay-tv dunque, bensì una partnership di ampio respiro volta a coinvolgere anche la Spagna e ridefinire il mercato televisivo in un’area su cui Vivendi non ha mai nascosto di avere mire di leadership.

A riferire di questa svolta, nonché accelerazione, nel dialogo tra le due parti è La Stampa, secondo cui nei giorni scorsi sarebbe stato raggiunto un accordo di principio su una linea strategica che non veda nessuna compravendita di asset o di intere aziende, né da parte francese né da parte italiana. Ci sarebbero però ancora attriti sul fronte operativo, in particolare da parte dei manager incaricati di mettere in atto praticamente l’unità di intenti attraverso piani concreti per la realizzazione di tale leadership nel settore delle pay-tv e delle piattaforme online. Le vedute, su questo fronte, sarebbero ancora distanti ma si starebbe assistendo a una significativa intensificazione dei  confronti a riguardo tra Parigi e Cologno Monzese. Rispetto ad altri rumor circolati su questo tema, è da notare come al momento non sia prevista una partecipazione diretta di Telecom Italia, di cui Vivendi detiene ora una quota di maggioranza del 23,8%.

Ricordiamo che nell’impero dei media controllato dal colosso francese rientrano tra gli altri la prima pay-tv nazionale, Canal Plus, e la piattaforma rivale di YouTube Dailymotion.

 

Fonte: La Stampa

Top