Home > Cinema > Cina: Warner produrrà 12 film, Paramount nel mirino di DMG

Cina: Warner produrrà 12 film, Paramount nel mirino di DMG

Dal remake di "Miss Detective" all'action comedy "Mission Milano", ecco i titoli in produzione per la joint venture cinese della major, mentre Paramount potrebbe vedere l'ingresso nel capitale di un gruppo con base a L.A. e Pechino, già al lavoro sul primo parco a tema Transformers del Celeste Impero.

Si intensificano i rapporti tra le major americane e il Celeste Impero: dopo la co-produzione di Kung Fu Panda 3 da parte di Oriental Dreamworks, oggi anche Warner Bros svela un listino di 12 film che saranno realizzati da Flagship Entertainment, la sua joint venture con l’emittente cinese TVB e China Media Capital. Nato lo scorso settembre, lo studio è pronto a dare il via alle sue attività produttive con  un sostanzioso pacchetto di progetti che, confermano fonti interne alla major, sono reali e stanno per vedere davvero la luce.

Ecco quanto si sa dei film in cantiere:

  • Con un budget da 150 milioni di dollari, MEG è una coproduzione internazionale sul genere disaster-action movie. In un’intervista del 2008 la produttrice Belle Avery l’ha descritto come la storia di un gigantesco squalo preistorico che emerge dalla fossa delle Marianne. Un kolossal dove Lo Squalo incontra Jurassic Park, che a quanto pare è rimasto fermo per molti anni e si è sbloccato grazie all’entrata dei capitali cinesi. Se non ci sono  modifiche rispetto alla datata intervista, si tratterebbe di un adattamento dal romanzo di Steve Alten scritto dallo stesso autore con Belle Avery;
  • Murder of the Husband è un film drammatico basato su un vero fatto di cronaca nera della Cina degli anni ’40, diretto da Peter Chan Ho-sun;
  • Brett Ratner (già regista di Rush Hour e Colpo Grosso al Drago Rosso) dirigerà insieme allo stesso Chan Ho-sun la love story fantascientifica Beautiful Coma;
  • Mission Milano è un’action comedy che vede come regista Wong Jing, già autore del franchise campione di incassi sul mercato cinese The Man from Macau. Gli interpreti principali sono le star locali Wong Cho Lam, Andy Lau e Huang Xiaoming e l’intenzione è quella di tirarne fuori un’altra saga di successo. Da Screen International sappiamo il soggetto:un imprenditore di successo molla tutto per difendere dai malfattori un’invenzione che potrebbe risolvere il problema della fame nel mondo. Difficile però capire se abbia davvero a che fare con la città italiana [chissà,magari con l’Expo…];
  • The Adventurers è un’altra action comedy ma stavolta a sfondo romantico, prodotta da Stephen Fung e Terence Chang, che vede il primo anche nel cast insieme a Feng Shaofeng;
  • When Larry Meets Mary (che richiama palesemente il titolo originale di Harry ti presento Sally) è ovviamente una commedia romantica, diretta da Wen Zhang con Bao Beier e Song Jia;
  • In cantiere troviamo poi un remake della commedia con Sandra Bullock Miss Detective;
  • Si tratta di remake anche Blended, che si rifà alla commedia Warner con Adam Sandler e Drew Barrymore, uscita in Italia col titolo Insieme per Forza;
  • Chinese Wall Street;
  • Agent;
  • Un altro disaster movie, Crater;
  • Il film di animazione Wish Dragon.

Sempre in questi giorni il vento dell’Est soffia forte su un altro studio hollywoodiano, Paramount, che le media company  Viacom ha ufficialmente aperto ad altri investitori senza rivelare però i nomi dei candidati all’acquisizione di una quota di minoranza nella società. Rumors giudicati inaspettati ma attendibili da Deadline parlano di DMG Entertainment, un gruppo con base a Los Angeles e Pechino, formalmente americano ma con forti legami con la Cina.  Rispetto ad altri nomi trapelati nelle scorse settimane, dal colosso dell’eCommerce Alibaba al Dalian Wanda Group (già proprietario del circuito AMC e della Legendary Entertainment), DMG vanta un rapporto più stretto con Paramount, avendo acquistato da Hasbro i diritti per costruire il primo parco divertimenti a tema Transformers in Cina e avendo già accordi per riportare sugli schermi della Repubblica Popolare il film di James Cameron Terminator 2 – Il giorno del giudizio.

Tra gli altri grandi legami stretti di recente tra Hollywood e compagnie cinesi ricordiamo anche quello di Universal per la realizzazione di 50 film insieme alla Perfect World Pictures.

La Cina è ormai dal 2013 il secondo mercato mondiale a livello di box office (dal 2014 in tutti i settori economici) ma si prevede che superi gli USA già a partire dal 2017. Nel mese record di febbraio 2016 il botteghino della Repubblica Popolare ha totalizzato 1,05 miliardi di dollari, superando per  la prima volta quello di Stati Uniti+Canada.

Fonte: Variety, Arstmagazine, Screen International, Deadline

Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top