Home > Cinema 2.0 > I Maker Studios di Disney producono gli influencer (e fanno concorrenza a YouTube Red)

I Maker Studios di Disney producono gli influencer (e fanno concorrenza a YouTube Red)

30 progetti finanziati fino a 100 mila dollari: è questo il supporto che sarebbe stato offerto ai giovani influencer del video da Maker Studios, il brand partner di YouTube acquistato da Disney nel 2014. Il primo contenuto distribuito sotto l’alveo di questa iniziativa, denominata Maker Studios Spark, è stato Intro To … dei creatori The Holderness Family, ma tra...

30 progetti finanziati fino a 100 mila dollari: è questo il supporto che sarebbe stato offerto ai giovani influencer del video da Maker Studios, il brand partner di YouTube acquistato da Disney nel 2014.

makerstudioslogo800x400

Il primo contenuto distribuito sotto l’alveo di questa iniziativa, denominata Maker Studios Spark, è stato Intro To … dei creatori The Holderness Family, ma tra le YouTube star supportate ci sono anche  Sophia Grace, Rahat Hossain (aka Magic of Rahat) e il videogamer Chris Pirillo. Al di là dei nomi, che in Italia possono dire poco, la mossa appare interessante nella misura in cui si inserisce in una crescente corsa al finanziamento di serie originali per il web, nonché in una generale professionalizzazione di YouTube evidente anche nel tentativo di lanciare il servizio SVOD (subscription video on demand) del portale video, YouTube Red.

Per quanto non è previsto che i contenuti di Maker Studios rientrino nel catalogo a pagamento della piattaforma di Google, non possono certo restare indietro rispetto agli investimenti compiuti in programmazione originale dal sito che li ospita, attivando così una competizione intestina tra l’offerta free e quella pay dello stesso operatore. Fa parte di quelle famose domande che al momento pongono un’ipoteca sul futuro di YouTube Red e portano a chiedersi quale sarà la strategia seguita dal colosso dei video online per mantenere al contempo la sua vocazione di portale UGC e il nuovo servizio di streaming ad abbonamento.

C’è anche da notare come il progetto Maker Studios Spark al momento punti non solo a YouTube ma anche ai canali di distribuzione tradizionali, forte della proprietà Disney. Altro modello di business ancora in fieri e in cerca di una nuova identità industriale al di là delle origini “native” del web.

Fonte: Variety

 

Top