Home > Distribuzione > Digitale > L'Home Video negli Stati Uniti, cresce ancora il digitale

L'Home Video negli Stati Uniti, cresce ancora il digitale

I dati relativi al primo trimestre del 2015 relativi al mercato dell’Home Entertainment negli Stati Uniti, pubblicati dal consorzio DEG: The Digital Entertainment Group, mostrano ancora il segno positivo (seppur in maniera contenuta), grazie soprattutto alll’incremento delle vendite e dello streaming digitale. E’ infatti questo settore, con una crescita del 20%, che ha permesso all’intero...

I dati relativi al primo trimestre del 2015 relativi al mercato dell’Home Entertainment negli Stati Uniti, pubblicati dal consorzio DEG: The Digital Entertainment Group, mostrano ancora il segno positivo (seppur in maniera contenuta), grazie soprattutto alll’incremento delle vendite e dello streaming digitale. E’ infatti questo settore, con una crescita del 20%, che ha permesso all’intero mercato di attestarsi nei primi tre mesi dell’anno a un +0,23% con una spesa complessiva dei consumatori stimata a 4,59 miliardi di dollari ontro i 4,58 dello stesso periodo del 2014.

Stack of DVD Movies

La crescita del SVOD, in particolare, è raddoppiata, grazie alle performance dei servizi leader del settore come Netflix e Amazon Prime e ha fatto registrare un +23%, 1,14 miliardi contro i 928,6 milioni del primo trimestre dello scorso anno. Il segmento del Digital HD è cresciuto invece del 22% a 431 milioni di dollari (erano 352 a gennaio-marzo 2014). Continua invece il declino dei supporti fisici: la spesa dei consumatori per DVD e Blu-Ray è calata del 13% attestandosi a 1,6 milioni di dollari. Riguardo al noleggio i consumatori americani mostrano di apprezzare il servizio fornito da Redbox e da altri chioschi di distribuzione automatica con un incremento del settore del 7,7% nel primo trimestre 2015 (535,5 milioni contro i 497,2 milioni  del primo trimestre 2014). Mentre la spesa dei consumatori nei negozi di noleggio registra un calo dell’8%, passando da 183,6 milioni a 168,9 milioni.

Fonte: HomeMediaMagazine

Top