Home > Cinema > CinemaCon, Fithian (NATO) e Dodd (MPAA) su VOD, window e box office

CinemaCon, Fithian (NATO) e Dodd (MPAA) su VOD, window e box office

E’ entrata nel vivo la convention CinemaCon di Las Vegas, annuale appuntamento promosso dalla NATO, l’associazione dell’esercizio americano. Ieri si sono succeduti gli interventi di John Fithian che guida l’associazione e di Chris Dodd, a capo della MPAA (Motion Pictures Association of America) che si sono soffermati in particolare sui temi relativi alle finestre e...

E’ entrata nel vivo la convention CinemaCon di Las Vegas, annuale appuntamento promosso dalla NATO, l’associazione dell’esercizio americano. Ieri si sono succeduti gli interventi di John Fithian che guida l’associazione e di Chris Dodd, a capo della MPAA (Motion Pictures Association of America) che si sono soffermati in particolare sui temi relativi alle finestre e al VOD e sul box office previsto per il 2015. Su quest’ultimo punto Fithian ha ricordato come i numeri record attesi al botteghino per quest’anno saranno possibili grazie soprattutto al pubblico femminile e familiare, che guiderà le scelte al box office in maniera preponderante. Riguardo al VOD il predidente e CEO dell’associazione ha ricordato come il recente caso The Interview (distribuito da Sony in un numero limitato di sale e contemporaneamente in VOD), non costrituisca un “precedente di nulla” data l’eccezionalità dell’evento, affermando che anche Michale Lynton, Chaiman di Sony concorda su questo punto.

CinemaCon

Riguardo al rispetto delle window (in Usa fissate a circa 90 giorni dall’uscita in sala) Fithian ha ricordato che la maggior parte degli studios rispettano gli accordi: «Anche se esperimenti una tantum di uscite in contemporanea guadagnano una certa attenzione da parte dei media, la realtà è che i maggiori distributori credono che l’esclusività della sala guidi l’intero business» ha dichiarato. Inoltre ha aggiunto che gli esercenti cinematografici dovrebberocollaborare maggiormente con gli studios in iniziative promozionali come i SuperTicket che promuovono il film in sala insieme ad altre forme di sfruttamento successive.

Da parte sua Chris Dodd, riguardo al caso Sony/The Interview  ha dichiarato categoricamente che la major non intende uscire dalla MPAA e che è stata vittima di un atto criminale. Inoltre si è soffermato sull’iniziativa WhereToWatch.com,il sito lanciato lo scorso settembre che si propone di contrastare la pirateria online offrendo ai consumatori un motore di ricerca in grado di segnalare, per ogni film ricercato, tuti gli sfruttamenti legali possibili (in sal e su altre piattaforme) di quel titolo, facilitando gli utenti nella ricerca di prodotto legale online. «Crediamo che WhereToWatch.com sia un importante opportunità per la nostra industria di connettersi direttamente con i suoi clienti e, allo stesso tempo, di supportare gli autori guidando il pubblico verso fonti legali di contenuto, sia in sala che online».

 

Top