Home > Cinema > Telecom, parte ad aprile la partnership con Sky. Trattative con Netflix

Telecom, parte ad aprile la partnership con Sky. Trattative con Netflix

Partirà ad aprile la partnership di Telecom Italia con Sky nella pay-tv. L’accordo, siglato lo scorso anno, prevedeva di veicolare i contenuti della pay tv sulle proprie infrastrutture di rete di nuova generazione, bypassandola necessità di dover installare una parabola. Lo ha annunciato l’amministratore delegato  di Telecom Italia, Marco Patuano, nel corso della presentazione a...

Partirà ad aprile la partnership di Telecom Italia con Sky nella pay-tv. L’accordo, siglato lo scorso anno, prevedeva di veicolare i contenuti della pay tv sulle proprie infrastrutture di rete di nuova generazione, bypassandola necessità di dover installare una parabola. Lo ha annunciato l’amministratore delegato  di Telecom Italia, Marco Patuano, nel corso della presentazione a Londra  del piano industriale per il triennio 2015-2017. E intanto, ha dichiarato sempre Patuano, Telecon è in trattative con Netflix. Dopo mesi di voci mai cinfermate  è la prima volta che Telecom ammette ufficialmnete le trattavite con la piattaforma di SVOD americana, che ormai è attiva in 50 paesi.

telecom italia

Telecom Italia si attrezza per il mercato del VOD che in quello pay,  puntando a offrire gli stessi contenuti di Sky a una fascia di popolazione (circa 7 milioni di famiglie italiane) che possiedono la banda larga (1 milione delle quali non ha però la possibilità di installare la parabola per accedere alla pay tv). L’accordo non prevede l’esclusività e l’offerta Telecom Sky metterà a disposizione degli abbonati un nuovo set-top-box (MySkyHd) prodotto da Sky e di sua proprietà, che servirà anche a ospitare Tim Vision, la TV on Demand di Telecom, oltre ai servizi di video on demand di altri operatori eventualmente interessati (Netflix?). Recentemente Tim Vision è stata rilanciata al prezzo di 5 euro al mese, anziché 10, per i clienti Adsl illimitata o fibra che attivano il servizio entro il 31 marzo. Un rilancio basato sulla crescita degli abbonati (+64% in un anno)e degli utenti decoder (+145%): 11 milioni di fruizione nel 2014 (due volte il dato del 2013) con una crescita del 50% nella seconda metà dell’anno.

Fonte: Italia Oggi, Corriere Economia

 

Top