Home > Cinema > Boyhood miglior film ai LA Film Critics Awards

Boyhood miglior film ai LA Film Critics Awards

La girandola dei premi cinematografici, che tradizionalmente aprono la strada all’assegnazione degli Oscar, è ormai iniziata a Hollywood. Piccoli grandi riconoscimenti, spesso prestigiosi e assegnati dalla critica consentono di dare visibilità ai film più promettenti per gli Academy Awards e di azzardare alcune previsioni. Ieri a Los Angeles si è tenuta la cerimonia di premiazione...

La girandola dei premi cinematografici, che tradizionalmente aprono la strada all’assegnazione degli Oscar, è ormai iniziata a Hollywood. Piccoli grandi riconoscimenti, spesso prestigiosi e assegnati dalla critica consentono di dare visibilità ai film più promettenti per gli Academy Awards e di azzardare alcune previsioni. Ieri a Los Angeles si è tenuta la cerimonia di premiazione dei LA Film Critics Awards, i premi della critica di Los Angeles. A vincere come miglior film è stato Boyhood che si è aggiudicato anche il premio per la migliore regia (Richard Linklater) e quello per la migliore attrice (Patricia Arquette).

Boyhood Patricia Arquette Ellar Coltrane foto dal film 3

Per quanto riguarda gli attori premiati Tom Hardy (Locke) e, come non protagonista, J.K. Simmons per Whiplash, mentre ha ricevuto il riconoscimento come attrice non protagonista Agata Kulesza, per il film polacco Ida, risultato anche il miglior film straniero (è sicuramente uno dei favoriti ai prossimi Oscar nella categoria del film straniero). Il premio per la migliore sceneggiatura se lo è aggiudicato Wes Anderson per The Grand Budapest Hotel e infine La storia della principessa splendente ha vinto il premio per il miglior film d’animazione. Lo scorso anno a vincere il premio come miglior film erano stati ex-aequo Gravity di Alfonso Cuaron e Her di Spike Jones. Agli Oscar Gravity poi aveva vinto 7 statuette (tra cui quella per la miglior regia) anche se nella categoria del miglior film era stato superato da 12 anni schiavo. Her invece si era aggiudicato l’Oscar per la migliore sceneggiatura orginale.

Top