Home > Cinema > Wild Bunch si lancia nel mercato della distribuzione digitale (in Europa)

Wild Bunch si lancia nel mercato della distribuzione digitale (in Europa)

La società francese di distribuzione Wild Bunch ha annunciato la volontà di aprirsi al mercato della distribuzione digitale, creando una propria divisione dedicata che offrirà film direttamente a differenti servizi VOD (e laddove possibile perché permesso dalla legislazione locale, in contemporanea con i cinema)  e inizialmente opererà nei mercati europei nei quali Wild Bunch ha...

La società francese di distribuzione Wild Bunch ha annunciato la volontà di aprirsi al mercato della distribuzione digitale, creando una propria divisione dedicata che offrirà film direttamente a differenti servizi VOD (e laddove possibile perché permesso dalla legislazione locale, in contemporanea con i cinema)  e inizialmente opererà nei mercati europei nei quali Wild Bunch ha società partner : Germania (Wild Bunch Germany e Senator), Francia (Wild Side e Wild Bunch Distribution), Spagna (Vertigo) e Italia (Bim), oltre a Gran Bretagna (Altitude). La decisione è avvenuta dopo il successo di Welcome to New York di Abel Ferrara (lanciato in VOD a maggio), che ha convinto Wild Bunch delle potenzialità di questo mercato, registrando circa 200mila download in sei settimane.

The Green Inferno Foto Dal Film 04

La società aveva già fatto esperimenti di distribuzione VOD in passato, nell’ambito del progetto pilota Speed Bunch che avera visto la distribuzione in cinque territori (per l’Italia Bim si era appoggiata al portale MyMovies) in contemporanea VOD/Cinema di titoli come Spirit of ’45 di Ken Loach, Jimmy P. di Arnaud Desplechin e Mademoiselle C. di Fabien Constant. Olra Wild Bunch ha in programma di acquistare al prossimo American Film Market (in procinto di aprire i battenti il 5 novemvre) dai 4 ai 5 titoli “papabili” per questo tipo di distribuzione, oltre a quelli già in listino. Il primo film a essere distribuito con queste modalità sarà l’horror The Green Inferno di Eli Roth (nella foto).

 

Top