Home > Cinema > Home Video USA: nel 2013, EST in aumento del 50% mentre l’online tocca i 6,5 miliardi di dollari

Home Video USA: nel 2013, EST in aumento del 50% mentre l’online tocca i 6,5 miliardi di dollari

Nel 2013 il settore dell’online si è confermato fondamentale per il mercato dell’home entertainment, con un aumento del 50% nelle vendite e del 17% per l’intero comparto della distribuzione digitale. A rivelarlo è il consueto resoconto sulle performance dell’home video USA, diramato ieri dal DEG (Digital Entertainment Group).

Nel 2013 il settore dell’online si è confermato fondamentale per il mercato dell’home entertainment, con un aumento del 50% nelle vendite e del 17% per l’intero comparto della distribuzione digitale. A rivelarlo è il consueto resoconto sulle performance dell’home video USA, diramato ieri dal DEG (Digital Entertainment Group), l’associazione delle imprese del settore. Stando ai nuovi dati, nell’anno appena trascorso il comparto ha guadagnato complessivamente 18,2 miliardi di dollari, mentendosi stabile (+0,72%) rispetto al 2012 e mettendo in evidenza soprattutto il ruolo del ramo digitale e Blu-ray.

 deg 2013

L’EST, cioè la vendita online di film e serie tv è arrivata a superare il miliardo di dollari e vanta l’incremento più rilevante dell’intero mercato (+47,12%). Il video on demand, cioè il noleggio di singoli titoli sul web, nel corso dell’anno ha conosciuto un’espansione minore, di circa il 5%, raggiungendo tuttavia il valore sempre rilevante di 2,1 miliardi di dollari. Continua inoltre l’ascesa dello SVOD, lo streaming ad abbonamento, i cui ricavi hanno superato i 3 miliardi di dollari, facendo concorrenza alle performance combinate di EST e VOD.

Continua invece a registrare perdite il settore fisico: pur con un valore di 7,7 miliardi di dollari, la vendita di film e serial su disco ha perso circa l’8%, mentre si è assottigliato ulteriormente il peso dei videonoleggi, colpiti quest’anno tra l’altro anche dalla chiusura definitiva di Blockbuster. Con ricavi per poco più di un miliardo di dollari, il settore ha perso un altro 14%, superato solo dal ramo del noleggio ad abbonamento (principalmente per corrispondenza), che ha fatto segnare quasi un -20%.

Il DEG ha sottolineato comunque la buona tenuta del comparto Blu-ray, che ha contribuito per circa il 5% al fatturato dell’home entertainment, mentre è continuato a salire il numero di abitazioni dotate di lettori per i dischi ad alta definizione, attualmente pari a 72 milioni. In crescita anche l’interesse per le tv in HD, con 36 milioni di unità vendute nel 2013 e una penetrazione di 96 milioni su tutto il territorio degli Stati Uniti.

Da notare anche l’aumento degli utenti UltraViolet, il sistema sostenuto da quasi tutte le major hollywoodiane che consente di fruire online, tramite cloud, dei titoli acquistati su supporto fisico, e che consta ora di oltre15 milioni di account.

 

Fonte: DEG

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top