Home > Cinema > USA: stabile il mercato dell’home entertainment, sostenuto da VOD e Blu-ray, mentre le major celebrano UltraViolet

USA: stabile il mercato dell’home entertainment, sostenuto da VOD e Blu-ray, mentre le major celebrano UltraViolet

Sono stati diffusi i dati riguardanti il mercato americano dell’home entertainment, che nel 2012 ha mostrato un andamento sostanzialmente stabile contrassegnato però dalla crescita dell’on demand, delle copie digitali e anche dei Blu-ray. Più di 9 milioni, inoltre, le iscrizioni al sistema cloud delle major, UltraViolet.

In occasione dell’inizio del CES, il Consumer Electronics Show che ha aperto i battenti ieri a Las Vegas, sono stati diffusi i dati riguardanti il mercato americano dell’home entertainment, che nel 2012  ha mostrato un andamento sostanzialmente stabile, contrassegnato solo da un lievissimo aumento pari allo 0,23%. Un dato perciò poco rilevante, salvo rappresentare il primo a poter vantare un pur minimo segno positivo in cinque anni.

 

Fonte: DEG

Come ha rivelato il DEG – Digital Entertainment Group, consorzio delle industrie operanti nell’home video USA, le entrate complessive del settore si sono mantenute intorno ai 18 miliardi di dollari, cifra molto vicina a quella registrata nel 2011 [e per l’esattezza, a quella dichiarata come definitiva dallo steso DEG nel suo ultimo report annuale]. Le vere buone notizie per il settore, vanno dunque ricercate nelle performance di quelle categorie che si stanno dimostrando sempre più come gli attuali propulsori del mercato.

La spesa totale in Blu-ray, prima di tutto, è cresciuta di un altro 10%, confermando secondo il DEG come questo tipo di supporto si sia ormai affermato quale nuovo standard dell’home video. I consumatori americani hanno speso anche per i titoli di catalogo il 25% in più rispetto al 2011, mentre i nuclei domestici attrezzati con appositi lettori continuano a crescere costantemente, con un incremento del 7% su base annuale, e hanno raggiunto ormai un totale di 51 milioni. Cresce anche la penetrazione delle tv ad alta definizione, che secondo le stime dovrebbero essere attualmente 108,4 milioni in tutti gli Stati  Uniti.

A ricoprire un ruolo sempre più centrale sono però la vendita e il noleggio di copie digitali. L’EST(Electronic Sell-Thru), cioè l’acquisto dei titoli senza supporto fisico, è cresciuto del 34,61% arrivando a toccare un valore di 811 milioni di dollari. Il video on demand continua pure la propria crescita, esattamente di 10,8 punti percentuali, arrivando a toccare 1,9 miliardi di dollari, ma a registrare i volumi più alti è sempre lo SVOD, o VOD ad abbonamento, che aumenta più del 45% per un valore complessivo di 2,3 miliardi di dollari. Il comparto digitale, nel suo complesso, ha raccolto oltre 5 miliardi arrivando a detenere una quota del 30% del mercato dell’home entertainment, contro il 19% del 2011.

Il segmento, insomma, si avvicina sempre di più alle cifre del noleggio tradizionale, che nel 2012 si è attestato sui 6,3 miliardi di dollari, perdendo un altro 6% rispetto all’anno precedente. I cali maggiori riguardano sia i videostore sia  l’affitto di DVD e Blu-ray per corrispondenza, che perdono rispettivamente oltre il 23 e il 27%, mentre continua ad aumentare il valore dei distributori automatici di copie fisiche (tipicamente a marchio RedBox), che sale di oltre 15 punti percentuali fino a toccare 1,9 miliardi di dollari. Più contenuto invece il decremento registrato dal ramo vendite, che perde il 2,94%, attestandosi sui 9,2 miliardi di dollari (incluso però l’EST).

Sempre nel settore digitale, si afferma sempre di più UltraViolet, il sistema cloud sostenuto da gran parte delle major per la fruizione online dei titoli acquistati su supporto fisico.  Sono infatti più di 9 milioni le iscrizioni effettuate in un anno, con una crescita piuttosto accentuata nel secondo semestre del 2012.

Per sostenere ulteriormente UltraViolet, al CES sono arrivati anche i capi delle divisioni home video di ben cinque major (vale a dire Sony, Universal, 20th Century Fox, Warner Bros. e Lionsgate) per presentare una nuova iniziativa promozionale. Oltre a elogioare l’importanza del sistema, i manager hanno infatti annunciato che chi acquisterà un lettore Blu-ray connesso in Rete avrà cinque titoli omaggio da fruire in modo gratuito tramite UltraViolet, mentre chi acquisterà una tv connessa ne avrà dieci. Da non dimenticare infine come, sempre al CES, il colosso della grande distribuzione Walmart abbia impresso una decisa accelerazione alla propria partnership con la “cassaforte digitale” sostenuta dalle major, presentando un nuovo sistema che consentirà ai consumatori di ottenere direttamente da casa una copia UltraViolet dei film già acquistati in Blu-ray o DVD, pagando ovviamente un costo per ogni titoli convertito.

 

Fonte: DEG, Variety

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top