Dreamworks lascia Paramount, sarà 20th Century Fox a distribuire le pellicole

 

Dopo mesi di trattative e rumor, ecco arrivare la decisione definitiva. La Paramount Pictures non distribuirà più i titoli DreamWorks Animation a partire dal 2013, come ormai si ipotizzava da diverso tempo.

La comunicazione ufficiale, avvenuta tramite una nota dello studio, annuncia anche quale sarà il nuovo partner di distribuzione. Si tratta di 20th Century Fox, lo studio che distribuisce già i cartoon dei Blue Sky come L’Era Glaciale e Rio. Il contratto firmato è della validità di cinque anni, dal 2013 al 2017, con possibilità di rinnovo alla fine. Fox si occuperà non solo della distribuzione sul territorio del Nord America, ma anche a livello internazionale, compreso anche il mercato italiano, dove era invece la Universal Pictures Italia ad occuparsene (come per tutte le pellicole Paramount).

L’accordo sorprende non poco, considerando che oltre al colosso Disney-Pixar, era proprio Fox a detenere già un’ingente fetta del mercato dei film d’animazione. L’Era Glaciale 4, ancora inedito in Italia, ha già incassato in tutto il mondo quasi 800 milioni di dollari ed è il cartoon più visto del 2012.

Jeffrey Katzenberg ha commentato:

Il nostro nuovo accordo con Fox presenta termini economici più favorevoli” 

DreamWorks pare infatti che verserà a Fox una commissione simile a quella che versa a Paramount (8% per la cinematografica, 6% per la digitale), beneficiando allo stesso tempo di costi di distribuzione digitali più bassi. A Fox spetteranno inoltre alcuni diritti sul digitale, in particolare per quanto riguarda la distribuzione televisiva internazionale, video-on-demand e noleggi.

A questo punto l’ultima pellicola ad essere distribuita da Paramount (Universal in Italia), sarà Le 5 Leggende, in sala dalla fine di novembre.

Fonte: deadline

Universal distribuirà in home video i titoli Moviemax.

Dopo essersi accordata con Filmauro per la physical distribution dei titoli nel listino della società guidata da Aurelio De Laurentiis, Universal Pictures Italia stringe una nuova intesa destinata a espander ulteriormente le sue attività nel settore della distribuzione, stavolta però nel campo dell’home video. La nuova alleanza, di durata quasi triennale, è con Moviemax Media Group, di cui Universal distribuirà tutti i titoli in DVD, Blu-ray e Blu-ray 3D.

Leggi tutto

The Dark Knight Rises: oltre i 700 milioni al box office mondiale.

Si è confermato alla testa al botteghino anche nel suo terzo weekend nelle sale statunitensi Il Cavaliere Oscuro – Il Ritorno. L’ultimo capitolo della trilogia di Batman diretta da Christopher Nolan ha infatti guadagnato altri 36,4 milioni di dollari, in diminuzione di circa 40% rispetto al finesettimana precedente. L’incasso totale negli USA sale così a 354 milioni di dollari, ma non ricolma il distacco con il precedente episodio del franchise, Il Cavaliere Oscuro, che dopo 17 giorni di permanenza nelle sale aveva già toccato quota 393 milioni. Il film continua però la sua corsa a livello internazionale, dove ha totalizzato altri 67 milioni in 58 territori, per un incasso complessivo di oltre 378 milioni di dollari overseas e 733 milioni worldwide.

Leggi tutto

I like cinema: in Francia i film sono on demand, ma direttamente in sala.

Scegliere un film da un menù online è una pratica a cui gli utenti della Rete (magari più all’estero che in Italia) sono ormai ben abituati. Scegliere al contempo un cinema e un orario in cui farlo programmare, è invece una nuova frontiera ancora poco esplorata, che sfrutta al massimo le possibilità offerte dal web per declinare in maniera decisamente più contemporanea e ottimale il concetto di “sala di prossimità”. A proporre questo nuovo modello, basato praticamente su “proiezioni on demand”, è il sito francese Ilikecinema.com, che dal nome potrebbe sembrare una semplice fanpage di Facebook, è invece è una piattaforma pensata per far scegliere direttamente agli spettatori la programmazione delle sale partner dell’iniziativa (in questo momento circa 35, tutte in area parigina) con titoli sia di catalogo che di recente uscita, o addirittura in anteprima.

Leggi tutto

DreamWorks: ancora in trattative per una distribuzione, pensa a un canale tutto suo.

Nonostante la sua seconda trimestrale sia risultata leggermente in calo (12,8 milioni di dollari di ricavi netti, in diminuzione del 63% rispetto agli oltre 34 milioni dello stesso periodo del 2011), non c’è dubbio che la DreamWorks Animation costituisca un partner di sicuro interesse per molte major hollywoodiane. Da tempo si attende che lo studio di animazione, guidato da Jeffrey Katzenberg, decida a chi affidare la distribuzione dei propri titoli una volta scaduto l’accordo che lo lega a Paramount fino alla fine del 2012. Alla presentazione dei dati finanziari dei primi sei mesi del 2012, il CEO di DreamWorks ha tuttavia preferito mantenere il riserbo, rilevando solo che la società non intende farsi carico “in proprio” della distribuzione, ma guarda piuttosto a un progetto ambizioso che va oltre il grande schermo.

Leggi tutto

Your Film Festival: i finalisti del concorso di YouTube a Venezia con Ridley Scott.

Continua la collaborazione tra Ridley Scott e YouTube per scoprire nuovi talenti e sperimentare le potenzialità dei video sul web. Il regista di culto, insieme a uno dei protagonisti del suo Prometheus Michael Fassbender, sarà infatti nella Giuria del Your Film Festival, la particolare rassegna di corti organizzata dal portale per il video sharing in collaborazione con EmiratesLa Biennale di Venezia e la Scott Free Productions. Dieci i titoli scelti per contendersi la vittoria (consistente in un contratto di produzione di 500.000 dollari), in un processo di selezione che ha coinvolto anche la community di YouTube. Se in una fase iniziale la Scott Free Productions ha filtrato le 15 mila candidature arrivate, scegliendone 50, sono stati oltre 3 milioni gli utenti coinvolti nella competizione per decidere quali cortometraggi sarebbero arrivati in finale, partecipando così alle proiezioni speciali e alla premiazione che si terranno il 2 settembre nell’ambito della 69ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Leggi tutto

Realtà aumentata: una visione “da fantascienza”.

La realtà aumentata, scusateci il gioco di parole, è già una realtà: grazie alla diffusione di dispositivi mobili ad alto contenuto tecnologico come smartphone e tablet, è sempre più facile trovare applicazioni, anche a scopo pubblicitario, che consentono di far apparire dal nulla immagini, video e altri contenuti capaci di materializzarsi sullo schermo interagendo con ciò che abbiamo davanti agli occhi. Niente però a confronto di ciò che promettono i Project Glasses di Google: una visione del mondo completamente integrata con le possibilità offerte dall’informatica, dove ogni istante della vita quotidiana può essere analizzato e ottimizzato attraverso un paio di occhiali, che in pratica funzionano come una specie di portatile, ma indossabile e soprattutto a comando vocale. Questo almeno è quanto presentato dal video, come al solito luminoso e rassicurante, che il colosso del web ha fatto circolare per promuovere e anticipare il progetto… Ma se la realtà aumentata avesse un lato oscuro?

Leggi tutto