Vi abbiamo già parlato di come sempre più produzioni indipendenti trovino uno sbocco ideale nel VOD, sia online che tramite i canali della tv tradizionale, e in particolar modo nel VOD cosiddetto day-and-date, cioè reso disponibile agli utenti nello stesso giorno dell’uscita sul grande schermo. Bene, ora il fenomeno sembra in via di espansione anche su Facebook, il popolare social network che si prepara a sbarcare in Borsa, e che a tal fine ieri ha reso noto un dossier in cui si parla di quasi 850 milioni di utenti mensili e di un fatturato vicino ai quattro miliardi di dollari.

 

 

Cifre roboanti a parte, in materia di film e più in generale di prodotti audiovisivi, non è la prima volta che entra in gioco la creatura di Mark Zuckerberg: è passato poco meno di un anno, infatti, da quando Warner Bros ha cominciato a usare Facebook per offrire alcuni dei propri titoli in streaming online, a partire da uno dei suoi più grandi successi degli ultimi anni, Il Cavaliere Oscuro. La novità sta dunque nel fatto che adesso il social network sia stato scelto dalla casa cinematografica Lionsgate e dalla tv premium Starz per lanciare due titoli in contemporanea rispettivamente all’uscita in home video e sul piccolo schermo.

Starz ha addirittura anticipato di una settimana la trasmissione del primo episodio del suo serial peplum Spartacus: Vengeance, anche se in realtà più che un vero e proprio noleggio via Facebook si parla di un’anteprima a scopo promozionale. Il risultato però, come riporta Home Media Magazine, sembra essere stato comunque molto soddisfacente, con più spettatori di tutti quelli che avevano visto in digitale la prima stagione, Spartacus: Blood and Sand, distribuita lungo ben tredici settimane. Secondo il vice presidente senior di Starz, Kelly Bumann, al successo dell’anteprima ha contribuito soprattutto la base di quasi due milioni e mezzo di fan che il telefilm ha su Facebook: “Dar loro un assaggio è sicuramente servito, e abbiamo intenzione di rifarlo”. Abduction, il thriller Lionsgate con la star di Twilight Taylor Lautner, è uscito sul social network a metà gennaio, in day-and-date con i dischi home video, e stando al vice presidente esecutivo del marketing dello studio cinematografico, Anne Parducci, è stato “un buon inizio“, grazie alla peculiarità di Facebook, che consente di “vedere il film e interagire al contempo con gli amici, ed è solo l’inizio di una nuova concezione social con cui dobbiamo cominciare a confrontarci sin da adesso”.


 ”In teoria non c’è nessun motivo per cui Facebook non debba diventare un vero canale premium in futuro, in diretta concorrenza con Netflix o reti come Showtime”, aggiunge l’analista del NPD Group, Russ Crupnick, secondo cui il fenomeno riceverà una spinta decisiva con la diffusione delle tv connesse a Internet. “C’è un pubblico di massa che segue i talent sul social network, perciò l’opportunità di indirizzare i fan, per esempio, di Clooney o Claire Danes verso i loro film in uscita mostra dell’enorme potenziale”. E questi sviluppi potrebbero non fermarsi ai prodotti cinematografici. Stando a Dean Alms di Milyoni, la società che ha sviluppato le pagine Facebook da cui fruire lo streaming di più di una dozzina tra major e distribuzioni indipendenti, a partire da questo mese i suoi utenti avranno a disposizione anche diverse serie tv. Ma c’è ancora riserbo su quali saranno i titoli che cominceranno a colonizzare l’universo social.

 

Fonte: Home Media Magazine, The Wrap