Home > Cinema > RedBox: come incide la finestra imposta dalle major sul noleggio di Blu-ray e DVD

RedBox: come incide la finestra imposta dalle major sul noleggio di Blu-ray e DVD

La commedia Mia moglie per finta, targata Sony, domina la classifica dei titoli più gettonati dai clienti dei chioschi rossi. Un risultato eclatante per un film che non ha fatto scintille al botteghino, ma che è partito avvantaggiato senza il peso di una window tra l'uscita in vendita e per l'affitto.

Come vi abbiamo riferito ieri, Warner Bros sembra decisa a portare avanti la strategia di ritardare l’uscita dei suoi film in noleggio tramite i distributori automatici di RedBox, che per l’affitto di Blu-ray e DVD chiedono la cifra molto contenuta di 1,20 dollari al giorno, e tramite Netflix, che per un abbonamento mensile sotto ai 10 dollari offre il servizio via posta o in VOD via streaming. Entrambe le compagnie ultimamente hanno ritoccato verso l’alto le proprie tariffe, ponendo forse le basi per ricontrattare le intese esistenti con i diversi fornitori di contenuti che, come noto, temono l’eccessiva convenienza dei loro prezzi e la ritengono in parte responsabile dell’andamento non brillante di un mercato dell’home video già indebolito dalla pirateria. Ma non tutte le major perseguono la stessa politica, e sembra che le diverse finestre imposte per la release dei film si stiano riflettendo in maniera piuttosto distinta sul successo dei vari titoli in catalogo, almeno per quanto riguarda i chioschi rossi.

A fine dicembre è stata diffusa la classifica dei titoli più gettonati dai clienti RedBox, e ne è emersa non solo una spiccata preferenza verso commedie leggere e preferibilmente a sfondo sentimentale (prevedibile vista la prevalente collocazione dei distributori presso l’entrata di fast food, megastore e altri negozi retail), ma soprattutto per quelle rese disponibili lo stesso giorno dell’uscita in vendita. Secondo la lista riportata sul Los Angeles Times, al primo posto si è piazzata la commedia con Adam Sandler Mia moglie per finta, targata Sony, seguita dalla querelle romantica tra Natalie Portman e Ashton Kutcher in Amici, amanti e… Entrambi titoli che, fa notare il magazine, per i risultati al box office sono finiti nel novero delle delusioni, così come il numero tre, il film d’animazione Rango e Il Dilemma, di Ron Howard.

Ad accumunarle c’é di sicuro la voglia di intrattenere il pubblico con il sorriso, ma soprattutto il marchio della distribuzione: i primi titoli nella top 10 provengono da Paramount e da Sony, le due major che non hanno imposto alcun lasso di tempo tra l’uscita dei loro film in home video destinati alla vendita e quelli per il noleggio presso RedBox. Al contrario, sono solo tre i film che fanno capo agli Studios che hanno voluto la window di 28 giorni, tra cui rientrano Warner, Fox e Universal. Il risultato, in generale, sembra in linea con la politica di queste major, secondo cui i bassi prezzi per l’affitto dei film non valgano troppo la candela dei distributori automatici di DVD e Blu-ray. RedBox, da parte sua non sembra avere troppo interesse a finestre ancora più dilatate, pena rendimenti probabilmente ancora più bassi di quelli dei film in uscita dopo un mese dalla prima release in home video. La compagnia che gestisce i chioschi potrebbe optare per acquistare comunque i dischi di Warner Bros da rivenditori autorizzati e poi proporli per il noleggio, ma a costi evidentemente maggiorati. La domanda, perciò, è fino a che punto la major possa forzare la mano a RedBox, soprattutto nel caso in cui quest’ultima decidesse di rinunciare totalmente ad alcuni dei maggiori titoli della stagione cinematografica perché troppo penalizzati da uno svantaggio iniziale di quasi due mesi.

Avatar
Davide Dellacasa
Publisher di ScreenWeek.it, Episode39 e Managing Director del network di Blog della Brad&k Productions ama internet e il cinema e ne ha fatto il suo mestiere fin dal 1994.
http://dd.screenweek.it
Top